Posted on

In un insolito rapporto coordinato di venerdì, diversi media cinesi di proprietà dello stato hanno coperto le valute crittografiche, definendole come il patrimonio più performante del 2020.

La principale emittente televisiva del Paese, la China Central Television (CCTV), ha realizzato un filmato di tre minuti di notizie, evidenziando i beni crittografici che quest’anno hanno raggiunto il 70%.

„La cripto-valuta è senza dubbio diventata l’investimento con le migliori prestazioni“, ha detto il rapporto tra diversi altri asset globali.

La clip menziona anche DeFi e il dollaro debole come le due ragioni del mercato dei tori criptati di quest’anno.

„La Cina ha appena iniziato a investire in DeFi…“, ha detto un ricercatore del fondo cripto-finanziario The Spartan Group, che ha notato che gli investitori al dettaglio andranno probabilmente verso i primi progetti DeFi in Cina come DODO e MCDex e le blue chip UNI, YFI, COMP e MKR, che hanno anche una comunità cinese.

Le telecamere a circuito chiuso hanno riguardato anche ETH, che è stato il primo attore e il timore dell’inflazione a guidare la crescita, mentre le banche centrali hanno sperimentato le CBDC come un caso esemplare per le valute criptate, ma i regolamenti governativi sono una grande incertezza.

„C’è un’altra copertura seguente oggi su CCTV2 abt PBOC che incoraggia ad accelerare l’adozione del DCEP e ad allargare i casi di beta test. Così, in precedenza, la copertura sulle ‚prestazioni top della crittografia‘ sembra essere correlata a questa storia del toro DCEP in generale“, ha osservato Dovey Wan di Crypto Primitive Crypto.

Un affare rialzista

Tutto questo ha attirato l’attenzione della comunità cinese dei crittografi, che ha condiviso la clip su WeChat come segnale rialzista.

La cronaca criptica della CCTV è arrivata dopo l’agenzia di stampa statale Xinhua, che un giorno prima aveva pubblicato un articolo intitolato „La criptovaluta è la ‚risorsa n. 1‘ di quest’anno“. Prima della sua versione digitale sulla Xinhua, lo stesso articolo era apparso su uno dei media statali più longevi, Cankaoxiaoxi, in forma stampata.

Uno sforzo coordinato così raro è in contrasto con la posizione della Cina sulla speculazione crittografica, ma il trader Qiao Wage ha detto che è un „malinteso“ che il governo cinese sia sempre stato „ostile“ nei confronti di Bitcoin Trader e crypto.

„Se ci fosse un sistema finanziario parallelo che potesse competere con il sistema basato sul dollaro, gli piacerebbe farne parte“. Ciò verso cui sono ostili è la frode e la mania speculativa“, ha detto, aggiungendo: „Sono d’accordo con l’opinione che sono contro la fuga di capitali usando il crypto, il che è abbastanza ovvio“.

Ieri, il South China Morning Post ha anche riferito di almeno 1 trilione di yuan (145,5 miliardi di dollari) di fondi che ogni anno vengono trasferiti dalla Cina in attività di gioco d’azzardo, aggravando il rischio economico e finanziario per la sicurezza del paese, come da Liao Jinrong, il direttore generale del Dipartimento di cooperazione internazionale sotto il Ministero della Pubblica Sicurezza.

„Il volume e la velocità dei flussi di capitali transfrontalieri sono senza precedenti“, ha dichiarato questa settimana Zhu Min, direttore dell’Istituto nazionale di ricerca finanziaria dell’Università di Tsinghua, citato dal portavoce del People’s Daily.

„Questo non solo porterà a fluttuazioni sostenute delle principali valute mondiali, ma porterà anche a una maggiore volatilità dei mercati finanziari globali“. Pertanto, dobbiamo essere preparati ai potenziali rischi“, ha detto.